blog
 
progetti di massimiliano antimi architetto blog sull'architettura e design di interni studio di architettura e design di interni partners pubblicazioni di architettura contatti e richiedi un preventivo per architettura di interni
   

« Torna alla lista completa

cos'è il colore... Pantone ?

La critica più frequente che si muove al sistema pantone è che, essendo basato su una mistura di colori, sia inefficace per gestire i colori che si estrapolano da una mistura di luci colorate (come l'RGB). Un'altra critica si basa sul fatto che molti dei 1144 colori originali non possono essere ottenuti con una mistura di soli magenta, ciano, giallo e nero. Per risolvere questo problema la Pantone ha messo a punto un sistema di stampa, chiamato Esacromia, che aggiunge l'arancione puro e il verde smeraldo ai 4 colori originari; questo accorgimento, sebbene molto dispendioso da affrontare, risolve il problema solo in parte, in quanto per essere sicuri di poter riprodurre fedelmente ogni singolo colore si dovrebbe avere a disposizione una gamma di 13 colori base, più il bianco safe e il nero. Questo perché la mistura di un numero di colori superiore ai 7 genera inevitabilmente un abbassamento di luminosità

 

CMYK è la sigla di Cyan, Magenta, Yellow, Key black. È un modello di colore a sintesi sottrattiva[1], che viene usato nei dispositivi di stampa a colori (stampanti, plotter, ecc.) e consiste materialmente nella miscelazione di sostanze che, riflettendo solo una parte dello spettro luminoso, appaiono di uno specifico colore, quali inchiostri, pigmenti, vernici. In questo caso, il colore riflesso è il risultato della sottrazione dallo spettro luminoso delle frequenze assorbite dallo strato di sostanze opache.[2] La riproduzione del colore in stampa tramite questi quattro inchiostri (ciano, magenta, giallo, nero) è detta stampa in quadricromia.[1]